news

the latest news of Casone

18.09.2009 | News

Monochrome: a stone casket

The pietra serena of CASONE in a new setting for Abitare il Tempo (Living the Time) and Marmomacc
../../media/post/pag_345.jpg
Monochrome is a new exhibition space that we will be able to visit at the next edition of “Abitare il Tempo” (Verona, September 17-21) and “Marmomacc” (Verona, September 30 – October 3).
Conceived by the VISTO Architectural Workshop, this space is a real production in which the experience and commitment of a group of companies, each complimenting one another, is brought to fruition. Together, they have worked to make this joint project in exhibition design possible.
A rustic shell thus takes shape, constructed in pietra serena supplied by CASONE, which encloses a collection of stone bathroom fittings, these too in pietra serena, shown in the Saturnia collection designed for PIBA Marmi by Philippe Nigro.
If, on the one hand, the pietra serena “skin” of the shell is applied “coarse,” that is without processing, in order to invoke the primordial origin of the stone extracted from the quarry, on the other it displays of itself the elements of bathroom fittings, fruit of the same material, though moulded by hand and the creativity of man.

Stone in its natural state, strong, warm, expressive, and stone processed by man, smooth, refined and conceptual.
../../media/post/pag_346.jpg
But how does this stone shell work?
Light metal scaffolding, devised and supplied by Fischer and Fila, will be the support on which the cladding will be grafted, made up of 100 x 70 cm pietra serena modules, 6-8 cm thick.
These slabs are taken from the “skin” of blocks of pietra serena, extracted from Cassone’s Firenzuola quarry, that is from the exterior faces of the three-dimensional components that are usually discarded at the start of the transformation production line. Thanks to their natural coarseness, they bestow a rough, vibrant appearance on the stone casket, monochromatic yet extremely contrasting and rich in chiaroscuro effects triggered by the light skimming over it.
The stone cladding, in CASONE’s pietra serena, will also be to the fore in the interior: on the flooring and walls, it will be present with the same rough and naturalistic appearance as outside, while in some parts, especially in some enclosing partitions, the interior faces of the slabs will be ground with a simple saw-cut finish and will reveal the metallic support structure.
The dominant monochromatic theme, which inspired the name of this evocative space, will be the bluish grey of the pietra serena. But the visual sensations generated by this colour and its tones will be intense and varied, according to the texture of the stone and the lighting, devised and installed for the occasion by Viabizzuno.
../../media/post/pag_347.jpg
For CASONE, there is only one aim, to communicate, leaving the stone itself to convey the expressive potential of this material, suggesting to architects, designers and visitors that they allow themselves to be sheltered by this protective shell and abandon themselves to the sensory perceptions that its physicality, in the colour, the form and the surfaces, transmits.
These sensations will guide anyone who enters the space towards new ideas for their own homes and workplaces, and it will be a new source of inspiration for anyone whose profession is creativity.
This isn’t the first time that IL CASONE has made its experience and know-how available by taking part in projects of this type, in which collaboration with other aspects of the sector becomes a communal occasion of growth, comparison and design research.
../../media/post/pag_348.jpg
www.marmomacc.com
www.abitareiltempo.com
20.07.2009 | News

Marmomacc.

The designer of the next IL CASONE stand
../../media/post/pag_329.jpg
Class of 1971, architect, studying for a doctorate and a part-time researcher at the University of Udine, where he collaborates on courses on Architectural Design and the Technology of Architecture, he has a studio at Portogruaro in which, with his collaborators, he develops projects on architecture, interior architecture and the improvement of public spaces, demonstrating a studied passion for research into his materials: Francesco Steccanella is the designer chosen by IL CASONE to create the stand for the 2009 edition of Marmomacc. Following two illustrious names in international architecture (Kengo Kuma and Claudio Silvestrin), IL CASONE is betting on a new generation of Italian architecture, putting its faith in a young architect with a profound knowledge of Pietra Serena, driven by a lively creativity and the intention of rereading and reinterpreting the relationship between design idea and material.
../../media/post/pag_330.jpg
“I start with a material and ask myself what can I do with it,” comments Steccanella, “not what I have to do, nor what has been done before. Precisely because I’m looking for innovative use rather than the traditional, I tend to acquire as much knowledge as possible about the materials. The intention is to enhance them, projecting them into a new dimension, unexpected because it is far from the use for which we are accustomed to imagining them. Technological innovation following digitalisation has rewritten the paradigm of standardised construction. To design with material today means to understand its essence in order to use it according to what are by now codified rules, evolved from what have become well-established traditions, or, as I try to do in my projects, to reinvent it by innovations in form and function.”
The concept for the IL CASONE stand at Marmomacc 2009 also came from this: to make stone everything that it couldn’t possibly be.
“That means,” explains Steccanella, “that with stone it is possible to construct conventional dividing walls but also light hanging partitions, curtains that separate but do not close, held vertical by weight but not immobile, with a tinkle that operates with the simple touch of a hand.
The search for an invented use of forms, juxtapositions and contaminations can be seen in all the components of the vertical and horizontal partitions of the stand.”
In the next news, a preview of the design that we will see at Marmomacc.

MARMOMACC, Verona, September 30 - October 3, 2009
IL CASONE, Pavilion 6, stand D2
16.06.2009 | News

IL CASONE a Welcome Angels

Quattro giorni dedicati ai materiali lapidei in una cornice unica
../../media/post/pag_308.jpg

Dopo il successo di «Sacro e Profano», a Milano in occasione della settimana del design, il progetto di «Natural Stone Vision» propone altre importanti iniziative. Ecco allora che l’evento «Welcome Angels», tenutosi a Carrara dal 10 al 13 giugno, si prefigura, oltre che come evento/lancio di CarraraMarmotec 2010, come un «open happening», un evento aperto a tutti «affinché tutti possano scoprire in una cornice di prestigio — affermano gli organizzatori di CarraraFiere — e di grande impatto scenografico il fascino e l’imponenza delle cave e comprendano il valore e la necessità di ripartire proprio dalla materia prima per dare nuova forza alla filiera tutta».
Il Casone, insieme ad altre aziende del settore, ha aderito all’evento per contribuire a quello che risulta essere anche un tributo alle persone che lavorano in cava.
Proprio la cava, dunque, diviene uno scenario unico e affascinante per celebrare un luogo di lavoro che produce ogni anno un materiale unico, fonte di creatività e ispirazione per molti progettisti e designer di tutto il mondo.
È dunque un messaggio forte proprio nell’anno di assenza della fiera, che è biennale.
«Welcome Angels» è stato realizzato su concept degli architetti Silvia Nerbi e Paolo Armenise con la collaborazione scenica di «Uovoquadrato» e si è svolto in una cava del bacino di Gioia.
Un vero spettacolo, con installazioni di danza, di audio e di video curate da «Uovoquadrato» e dalla messa in scena dei progetti realizzati dalle aziende e già presentati in occasione della settimana del design a Milano. Una rappresentazione davvero unica, resa possibile da questo teatro naturale e spettacolare che sono le cave alla quale sono stati invitati architetti da ogni parte d’Europa, imprenditori, cittadini.
Per quattro giorni stop alle ruspe e ai macchinari per dare spazio allo show fatto di proiezioni sul marmo, oggetti di design, allestimenti e l’uso vivo della pietra in tutte le sue proposte.
Con la sua presenza IL CASONE intende ribadire quanto e con quale qualità i materiali lapidei possano rappresentare i valori propri dell’italian-style, e come possano costituire il fulcro di nuovi percorsi di comunicazione e di ricerca progettuale sempre attuali, mettendo in relazione tra loro arte, architettura, design, scenografia.
15.06.2009 | News

Stonestyle. Territorio e Design

Il Casone a Carrara, in un suggestivo allestimento
../../media/post/pag_306.jpg

Un percorso tra marmo e pietra, trasformati in oggetti di arte e di design da progettisti di fama internazionale: è la mostra StoneStyle-Territorio&design, allestita fino al 21 giugno presso il Centro di Arti Plastiche di Carrara (ex convento di San Francesco), con una scenografia ideata e realizzata dallo Studio Santachiara di Milano.
Fra le opere in mostra: prodotti cult e opere realizzate appositamente per la mostra dagli architetti Denis Santachiara, Kengo Kuma, Alberto Meda, Paolo Armenise, Enrico Tonucci, Filippo Tincolini, Emmanuel Babled, Corcione & Tinucci e Vincenzo Bennardi. IL CASONE, presente con Kengo Kuma, ha portato in mostra il concept di Stone Pavilion, costituito da moduli triangoli (lato 25cm, profondità 25cm) in pietra serena extraforte.
L'opera, già vincitrice del Best Communicator Award 2007, si ispira alla struttura del “castello di carte” ed esalta le potenzialità espressive della pietra serena, soprattutto in termini di leggerezza.
Completa l'allestimento una sala multimediale che porta in primo piano le potenzialità produttive e tecnologiche dei materiali lapidei, dalle cave alle più innovative lavorazioni.
La mostra-evento è stata organizzata dal Ministero dello Sviluppo Economico, Istituto nazionale per il Commercio Estero, Regione Toscana, Toscana Promozione, Internazionale Marmi e Macchine e CarraraFiere.  La manifestazione, che coincide con l’anno di assenza di CarraraMarmotec, evento rispetto al quale si pone come ponte per il 2010, ha visto anche una prima fase (9-12 giugno) durante la quale architetti e designer provenienti dai mercati ritenuti maggiormente importanti per il settore (USA, Russia, Paesi Arabi, Europa) hanno visitato le cave delle aziende coinvolte, per conoscere i materiali lapidei della zona e le più innovative tecnologie di lavorazione. Un'iniziativa importante, voluta anche dall’Istituto nazionale per il Commercio Estero per riposizionare in una fascia di mercato alta le produzioni lapidee toscane, esaltarne le potenzialità e creare un collegamento con le peculiarità del territorio.
 
../../media/post/pag_307.jpg

Sede della Mostra:
Centro Arti Plastiche (ex-Convento di S.Francesco)
Via Verdi angolo Via Canal del Rio
Ingresso gratuito
 
Orario apertura Mostra:
- da Mercoledì 10 Giugno a Venerdì 12 Giugno:    11,00-19,00
- Sabato 13 giugno e Domenica 14 giugno: 11,00-20,00
- Lunedì 15 Giugno    chiuso
- da Martedì 16 Giugno a Domenica 21 Giugno:    11,00-19,00
www.stonestyle.info
03.06.2009 | News

Presentata alla Triennale la 44^ edizione di Marmomacc (Verona, 30/09 - 3/10)

Il CASONE tra i protagonisti del Best Communicator Award e del progetto Monocromo
../../media/post/pag_301.jpg



Presentata a Milano, nella cornice della Triennale, la 44ª edizione di Marmomacc, la manifestazione diventata ormai punto di riferimento mondiale per l’intero comparto lapideo, nonché volano culturale ed economico per il settore. Un ruolo strategico, confermato dal numero delle domande di iscrizione, in linea con lo scorso anno, sia per l’Italia sia per l’estero; il segnale che arriva dalle aziende è quello di affrontare la crisi, cercando nuovi mercati e nuovi sbocchi commerciali. Marmomacc, a tale proposito, ha rafforzato la partnership con StonExpo di Las Vegas, la manifestazione più importante del Nord America, e insieme alle associazioni e alle imprese sta individuando Paesi interessati ad acquistare pietra e macchinari italiani (area del Maghreb, Medio Oriente, Est Europa, ecc.).
Marmi, pietre, design e tecnologie saranno quindi protagonisti degli spazi di Veronafiere, dal 30 settembre al 3 ottobre prossimi.
Grande attenzione, da parte dell’organizzazione, viene poi dedicata agli appuntamenti di carattere culturale, che negli ultimi anni hanno offerto un importante valore aggiunto, grazie all’opportunità di far conoscere gli impieghi più originali e innovativi della pietra.
In questo ambito è da segnalare il prestigioso «Premio Internazionale Architetture di Pietra», che si propone di pubblicizzare le principali esperienze sull’uso qualitativo dei materiali lapidei nell'architettura contemporanea.
Con lo stesso obiettivo è stato confermato il premio Best Communicator Award, rivolto agli espositori in fiera. Il premio punta a sottolineare l’importanza dell’exhibit design nella comprensione delle potenzialità costruttive e decorative del marmo e della pietra. Un’iniziativa, quindi, importante e strategica per le aziende, che ha visto IL CASONE vincitore per due anni consecutivi, con i progetti di Kengo Kuma (2007) e Claudio Silvestrin (2008): esempi che mostrano la versatilità dei materiali lapidei nella costruzione di spazi temporanei ed esprimono la capacità dell’allestimento di emozionare e comunicare. Quest’anno IL CASONE parteciperà con un progetto di Francesco Steccanella, che si confronterà con il tema di questa edizione: “Hybrid and Flexible”. L’intenzione è quella di stimolare la contaminazione di materiali, di processi produttivi, di estetiche. La trasversalità viene qui riconosciuta come uno dei veri momenti di sviluppo, in cui il design opera nuove sintesi tra processi lavorativi, tecnologia, linguaggi e comportamenti.
IL CASONE sarà inoltre tra i protagonisti di MONOCROMO: uno spazio per le mostre culturali delle prossime edizioni di Abitare il Tempo e Marmomacc, in cui la Pietra Serena di Firenzuola dà vita ad un' architettura dall’involucro rustico, che racchiude una collezione di design per l’ambiente bagno. Monocromo è il risultato della collaborazione strategica di diverse realtà produttive tra loro complementari: Pibamarmi, Il Casone, Fischer, Fila*, Officine Chiodin e Viabizzuno*.
(* da confermare)

www.marmomacc.it
15.05.2009 | News

"DeckingStone" il nuovo listone in pietra extraforte firmato IL CASONE

Una soluzione originale, resistente e di classe per l'outdoor
../../media/post/pag_297.jpg

Si chiama "DeckingStone", il listone in pietra extraforte che IL CASONE ha presentato in anteprima al Fuori Salone di Milano nell’allestimento "Sacro e profano" di via Stendhal 35, in zona Tortona.
"DeckingStone" è stato pensato per la pavimentazione esterna di terrazzi o zone limitrofe a giardini, alternativa in pietra naturale al tavolato ligneo. Il listone, disponibile in due finiture "sabbiata" o "fiammata", ha uno spessore di 4 cm e dimensioni di cm 18x150 oppure cm 18x300.
Può essere posato in maniera tradizionale, con apposito collante su massetto preconfezionato e con fuga stuccata oppure con piedino per pavimentazioni sopraelevate con appositi piedini regolabili in altezza.
Elegante e raffinato, "DeckingStone" caratterizza gli spazi esterni contrapponendo al rigore geometrico della texture di posa una matericità tutta naturale, piacevole al tatto e alla vista, tipica dei materiali lapidei: una soluzione originale, resistente e di classe per l’outdoor firmata IL CASONE.

SCHEDA TECNICA

La pietra extraforte
Pietra arenaria di colore grigio azzurrognolo a grana da media a fine con evidente orientazione parallela allo strato dei granuli cristallini costituenti, ben evidenziata dalle lamelle micacee.
Si tratta di una roccia priva di cavità e microfessurazioni, gli interstizi fra i granuli sono completamente occupati dalla componente cristallina fine e dal cemento carbonatico. E’ costituita prevalentemente da quarzo, feldspati, miche e da frammenti di rocce silicatiche e carbonatiche.
In base allo studio petrografico ed al diagramma Q-F-(R+C) Folk (1974) la composizione della Pietra Extraforte varia da arcose litica a litarenite feldspatica fino a litarenite.
In base alle caratteristiche fisico-meccaniche si può definire come una pietra pesante, compatta, poco porosa e non geliva. Possiede una ottima lavorabilità con caratteristiche di resistenza meccanica tipiche delle arenarie che le conferiscono una predisposizione per un utilizzo ornamentale di rivestimento anche per uso esterno.

Consultate il catalogo online per saperne di più sulla pietra extraforte!
load more news
top