Domus Galilae church

Kiko Arguello Wirtz / Rino Rossi   Korazim 
Netta nel tratto e, da talune visuali, affiorante come pietra dura in superficie, la Domus Galilae a Gerusalemme è l'occasione offerta al rivestimento litico parietale d'essere protagonista. Gli stilemi sontuosi occhieggianti alla tradizione locale e le connotazioni altre d'ispirazione più internazionale, anche di richiamo alle esperienze indiane di Khan, sono trattenuti in dinamico accordo dall'opera connettiva della materia grigia arenaria.
Un monumento, un oggetto articolato vocato all'essere contemplato d'attorno, si completa qui d'un ampio spazio verde perimetrale.
Il complesso abitativo, affrontante il tema della moltitudine di unità nell'unico edificio, si offre quale sistema urbano a sé stante; nelle profondità e nei raccordi trovano spazio misurati intenti scultorei e riusciti accostamenti polimaterici, ora evocativi con l'intarsio, ora orientati all'immagine innovativa mediante il ricorso alle tecnologie del cristallo.
Pietra serena e colombino levigati sono utilizzati entrambi secondo il desiderio del progettista. Notevole, nella complessità dell'opera, il controllo del dettaglio.Un primo esempio ne siano i tracciati segnati dai giunti di pavimentazione allo sbarco della scala monumentale, simmetrici rispetto al varco del camminamento così come simmetrici risultano quelli fra gli elementi costituenti le pedate della scala contigua, preservando spazio per l'accento all'ultimo gradino d'ogni rampa, in cui la tripartizione dei conci si ridistribuisce guadagnando l'intera dimensione del percorso compreso fra i due setti di contenimento. Un secondo esempio sia l'arco strombato: esso si compone a sua volta di sette differenti piani di profondità, cui corrispondono altrettanti autonomi archi lapidei tracciati su una geometria a tre centri, a ribadire significati di trinità religiosa. Oltre alla perizia tecnica di disegno e di realizzazione dei conci, s'evidenzia in questo caso l'impegno nel far sorreggere senza dissimulazioni i pesi propri e portati di materia dalle quattordici colonne sottili in base d'arco.