Piazza De Ferrari

Comune di Genova   Genova 
Piazza Raffaele De Ferrari si colloca in posizione distaccata dalla linea di costa tirrenica presidiata da Genova, nel cuore d’una zona urbana  tipicamente monumentale anche negli affacci delle quinte costruite. In questo punto nodale allo smistamento di percorrenze del centro si colloca quasi quale fulcro regolatore dei flussi viari una piattaforma rialzata di forma circolare. Al suo interno è centralmente fissata una fontana d’ampia dimensione e, con i suoi giochi d’acqua, notevole valore scenografico. Al contorno lo spazio pubblico si frammenta a livello di disegno pavimentale in più porzioni di geometria differente, ora colmate con piccoli elementi quadrati, ora con grandi lastre di base rettangolare ma bordi e superficie non rigorosi, espressivi dell’invecchiamento della materia nel tempo.
Al centro dunque la presenza monumentale circolare, a sua volta protetta lungo due lati principali di piazza ancora da rialzi e giochi d’acqua, da cui pure ci si protegge con bordure lapidee e leggeri salti di quota di nuovo progetto. La forma rotonda è accentuata da ripetuti anelli concentrici a giungere dal perimetro al cuore, incarnato dalla fontana storica. Ognuno di questi anelli realizzati in colombino dalla finitura scabra al tatto è esaltato nel colore dai bordi eseguiti con piccoli elementi altri, di forma quadra e tonalità del tutto scura. Uniche occasioni di variabilità entro il disegno generale sono dunque puntuali acquisizioni di vigore da parte di questi ultimi, ora a tracciare figure geometriche in sovrapposizione agli anelli concentrici, ora ad ispessire i bordi di contenimento agli anelli in colombino, ora infine a caratterizzare a terra un camminamento perimetrale tra piattaforma di fontana e nuove presenze d’arredo con acqua.
A ridosso dell’anello centrale contenente la vasca storica il colombino si rialza dal piano, assume rilievo e spessore di seduta - continua e circolare – offrendosi piacevolmente al passante al pelo rinfrescante dell’acqua. La scelta d’essenza lapidea ben si sposa per materia e colore ai paramenti d’architettura storica circostante.