Villa La Madone

A2CM   Rocquebrune Cap Martin 

Bagnata dalle acque del Mar Tirreno, tra Mentone e Montecarlo, ritroviamo la piccola penisola rocciosa di Roquebrune Cap Martin. Cittadella medioevale meta di villeggiatura della ricca nobiltà europea ottocentesca, Le Corbusier la scelse come buen ritiro estivo, progettandovi e realizzando il suo cabanon, e Pietro Porcinai ne accolse gli stimoli naturalistici nel parco per villa Cypris. Su queste premesse si innesta il progetto di Villa La Madone, la cui architettura sembra raccogliere gli insegnamenti ricevuti, aprendosi al contempo al paesaggio e alle suggestioni materiche del luogo. La pietra, sapientemente modellata e accordata alla funzione, diventa la punteggiatura necessaria per la corretta interpretazione della fase architettonica attuale. La pavimentazione esterna in giallo avorio, la cui finitura bocciardata richiama la rugosità del panorama roccioso, si ammorbidisce entrando nell’abitazione, addolcendosi grazie alle finiture seta. Ciò nel segno della continuità tra interno ed esterno, garantita nel disegno di dettaglio dei calpestii, dove le finiture più ruvide frutto della bocciardatura si accompagnano alle setose superfici levigate. La delicatezza dei colori della pietra Domus Bianca, anch’essa rifinita a seta, abbellisce gli spazi dedicati al wellness ed i bagni. Se esternamente il melange materico è marcato, con il basamento a secco del piano terra a sostenere il primo piano intonacato e forato da ampie vetrate, all’interno l’architettura parla invece univoci linguaggi cromatici. L’acqua risulta elemento progettuale qualificante, strumento connettivo per gli ambienti della spa interna e della piscina esterna, costante cornice avvolgente tutto l’edificio. La pietra ne costruisce l’involucro, cambiando forma in base alla destinazione e diventando sia rivestimento delle sedute interne, con le delicate colorazioni del crema fiorito e del Bretagna miele, sia pavimentazione, in lastre di Domus Bianca rifinite con lavorazione a seta. La stessa pietra, infine, racchiude esternamente l’elegante piscina a sfioro progettata da A2CM, creando un punto di osservazione eccezionale sul mare. Se della Costa Azzurra Fleubert dice “Ha qualcosa di serio e tenero che fa pensare alla Grecia. Qualcosa di voluttuoso e immenso che fa pensare all’Oriente”, Villa La Madone ne raccoglie senza dubbio l’atmosfera.