Casone abbraccia con la stessa disinvoltura progetti di architettura contemporanea e classica.

Quando dialoga con il passato scansa operazioni di recupero cosmetico e lavora restituendo autenticità ai luoghi.
Così è stato, ad esempio, per villa Ambra, la villa Medicea di Poggio a Caiano, costruita nel 1480. Se il progetto di recupero si è concentrato sulle grandi scalinate che abbracciano il visitatore e lo conducono al piano nobile, l'intervento di Casone è citazione dichiarata: pietra forte fiorentina, la preferita dal Sangallo, impiegata sia per le pedate della scalinata, sia per gli interventi a corollario. La lavorazione a filo sega dei gradini si contrappone alla levigatezza della pavimentazione a lastre proposta per il terrazzo del piano superiore. La matericità si ritrova nelle colonne del parapetto, bombate e scalpellate, incastonate nella cimasa modanata e nello zoccolo, attenta riproposizione del parapetto quattrocentesco. L'antico e l’attuale si legano armoniosamente.

Di segno diverso, ma altrimenti "classici", gli interventi in prestigiosi hotel come il Majestic di Bologna o il Palazzo Parigi di Milano: qui mirabili incastri e giochi tra marmo statuario, giallo di Siena, nero Marquinia per interni maestosi ed eleganti.